Articulos D.Ruscica

2014 - Un caso aislado, pero....

 Publicado en Blog "Italiani" el miércoles 09 de Abril 2014

AR-Baires01di Dante Ruscica

BUENOS AIRES- Uno dei vanti più in voga, sempre –storicamente, si direbbe- in Argentina è stato quello riguardante la cultura del Paese. La cultura in senso di scuola, di istruzione, ma anche di civiltà, di tradizione, di umanità, di evoluzione sociale in genere.

I linciaggi, per esempio, erano guardati da tutti qui –benpensanti tradizionali e “progre”- come qualcosa che poteva avvenire solo in Brasile. Oh, gli squadroni della morte! Oh le favelas!
E c’è da dire che forse, nel confronto con gran parte del continente, l’istruzione in Argentina e l’evoluzione generale –collegata in particolare alle origini sociali quasi strettamente e completamente europee (italiane e spagnole, soprattutto) hanno meritato sempre qualche punto in più. E, naturalmente, vanno ricordati i premi Nobel conquistati, i grandi scrittori e le menti privilegiate tipo Borges, Sabato, Leloir. E non solo…
E poi, un’altra cosa, forse la più recente e la più vistosa e significativa: il grande entusiasmo nazionale, travolgente, per il “Papa argentino”. Lo sappiamo, dall’elezione di Francesco, s’è accentuato anche il traffico aereo. Tutti a Roma, tutti alle porte di Pietro per farsi benedire e commuoversi agli appelli del Papa francescano che s’ispira al Poverello d’Assisi, umile tra gli umili, esempio di straripante umanità, di amore per il prossimo, impegnato quotidianamente a predicare la fratellanza e la solidarietà…
Verso questo Papa gli argentini corrono a frotte, delegazioni, udienze speciali, politici, industriali, sindacalisti, famiglie, scuole… non temono per niente di affaticare il cerimoniale vaticano. Per non parlare della costante e spettacolare attenzione di tutta la stampa per la figura del Pontefice, come mai era avvenuto: e si spiega, naturalmente: è anche ovvio. Ma…
Ma certo, quando le affrettate indagini di questi giorni attestano che il 50% dei consultati (il 50%!) giustifica il linciaggio pubblico in istrada -di giorno, in piena città- d’un ragazzo che ha tentato di rubare una borsa… viene il freddo alla schiena, crolla quasi tutta l’impalcatura e s’insinua enorme il dubbio sulla pia devozione degli argentini per il Papa francescano, tanto per restare a questo.
Tuttavia, detto tutto ciò, è chiaro che bisogna evitare, per prima cosa,  di fare di tutt’erba un fascio.
I casi disgraziati di questi giorni hanno aperto un dibattito che investe l’intera società, a tutti i livelli. E voci –molte voci importanti ed autorevoli- si sono levate senza se e senza ma per condannare la gestione primitiva, delittuosa e inumana della giustizia. Molte voci si sono allarmate e stan frugando attivamente nelle pieghe dell’intelligenza e della propria umanità alla ricerca di spiegazioni, di rimedi, di motivazioni.
Tal che è ora in corso una vera giostra di dibattiti, di reclami, accuse, scuse, documentazioni, infiniti servizi di stampa, denuncie e proposte di regole e misure adeguate. Ne emerge lo spaccato drammatico d’una società provata da tante tragedie negli ultimi decenni: ultima, forse, la crescente ondata di malavita che investe città e paesi, centri e periferie, provincia e capitali: una malavita feroce come mai s’era visto, che non propone la vecchia alternativa della vita o la borsa: spesso, molto spesso, strappa la vita e la borsa, senza riguardo per vecchi, adolescenti, bambini, ricchi e poveri.
Una malavita che ad ogni occasione obbliga il buon cittadino a chiedersi con affanno da dove vengono “questi”, a che scuola sono andati, quale dottrina seguono, chi sono che per rubare sovente quattro soldi fanno stragi e annientano intere famiglie, anziani indifesi, scolari ignari?
Chi sono? Vengono dalla droga, dall’emarginazione? Come “convertirli” a una convivenza rispettosa degli altri?
Problemi che, certo, non sono solo argentini. Risposte che quando arriveranno -se arriveranno- non potranno certo giustificare, in nessun caso, gli atroci episodi di questi giorni.

Visto 458 veces Modificado por última vez en 05 de Abril de 2017
Share this article
Inicia sesión para enviar comentarios

Sitios de Interés

Suscribir y recibir noticias

Deje sus datos y le avisaremos sobre las actualizaciones mas relevantes.
Muchas gracias.

Galería

Top